Skip links

Aspirazione ecoguidata ambulatoriale di cisti ovariche

Approfondimento sulle prestazioni svolte

Aspirazione ecoguidata ambulatoriale di cisti ovariche

La chirurgia laparoscopica rappresenta il gold standard nel trattamento della patologia ovarica benigna (cisti funzionali, cisti ovariche solide e paraovariche ed endometriosi) ed è di ausilio non solo nella stadiazione, ma anche nel trattamento della patologia ovarica maligna.

Il trattamento chirurgico delle cisti ovariche espone però al rischio di ledere il parenchima ovarico, con conseguente riduzione del pool follicolare. Per questo motivo, negli ultimi 20 anni, è stata introdotta come opzione di trattamento per le cisti ovariche benigne, diagnosticate in pazienti in età fertile, l’aspirazione transvaginale ecoguidata1,2 che consente di ottenere anche una diagnosi citologica3.

In una review sistematica della letteratura pubblicata sull’International Journal of Gynecology and Obstetrics sono stati analizzati gli studi sul trattamento dell’endometrioma ovarico con aspirazione ecoguidata con o senza scleroterapia. Dai risultati è emerso che l’aspirazione ecoguidata dovrebbe essere considerata una valida alternativa all’ intervento chirurgico laparoscopico in donne con desiderio di maternità o con recidive post chirurgia, per ridurre al minimo la compromissione della funzione ovarica4. L’efficacia in termini di preservazione della riserva ovarica dell’aspirazione transvaginale seguita dalla scleroterapia con etanolo in pazienti con endometriomi è stata dimostrata anche in uno studio condotto da Huang L, Chang MY et al. I risultati dello studio sono concordi nell’affermare che nelle donne con desiderio di maternità l’approccio miniinvasivo rappresenta una valida alternativa alla laparoscopia. Nelle pazienti candidate a tecniche di ART spesso può essere utile eseguire l’aspirazione di voluminosi endometriomi ovarici che possano ostacolare il processo di recupero ovocitario. Nel 2019 è stato condotto uno studio su 84 donne sottoposte ad aspirazione transvaginale ecoguidata di cisti semplici per valutare l’efficacia del trattamento. Le cisti semplici sono state definite ecograficamente secondo le linee guida dell’International Ovarian Tumor Analysis (IOTA). Dai risultati dello studio è emerso che l’aspirazione ecoguidata delle cisti ovariche semplici (<80 mm) risulta essere una procedura diagnostica e terapeutica efficace6. La chirurgia inoltre è spesso necessaria nella gestione delle pazienti con ascesso tubo-ovarico. Si tratta di una chirurgia estremamente complessa a causa delle possibili complicanze legate a lesioni intestinali, ureterali e vascolari. Una gestione miniinvasiva prevede la combinazione di antibioticoterapia, drenaggio o aspirazione eco-TAC guidati. 

Tecnica di agoaspirazione ecoguidata :

L’Agoaspirazione ecoguidata eseguita per via transvaginale consente un accesso diretto rispetto all’approccio transaddominale. La procedura viene eseguita in sedazione generale o cosciente. Si utilizza un ago da 14-16 Gauge, di 25 cm di lunghezza, inserito su una guida posta sulla sonda transvaginale, un raccordo in plastica e una siringa a vite. L’aspetto macroscopico del liquido raccolto nella siringa aspirante consente un primo orientamento diagnostico: un liquido limpido, citrino è spesso indice di una cisti sierosa semplice o di una cisti follicolare; un liquido siero-ematico può provenire da una cisti luteinica, mentre un liquido color cioccolato è quasi sempre espressione di una cisti endometriosica.  Quando l’aspirazione è completa, si lava la cisti con soluzione polisalina e si procede a nuova aspirazione. Nel caso in cu il trattamento venga eseguito per il drenaggio di un ascesso tubo-ovarico, è necessario eseguire la puntura di tutte le concamerazioni più volte senza estrarre l’ago, eseguendo ripetuti lavaggi con soluzione fisiologica. Il rischio di ricorrenza dell’ascesso dopo agoaspirazione del pus in combinazione con antibioticoterapia è minimo7. 

Bibliografia

  1. Hart RJ, Hickey M, Maouris P, Buckett W. Excisional surgery versus ablative surgery for ovarian endometriomata. Cochrane Database Syst Rev 2008;16(2), CD004992
  2. Berlanda N, Vercellini P, Fedele L. The outcomes of repeat surgery for recurrent symptomatic endometriosis. Curr Opin Obstet Gynecol 2010;22(4):320–5.
  3. Ray S, Gangopadhyay M, Bandyopadhyay A, Majumdar K, Chaudhury N. USG guided FNAC of ovarian mass lesions: A cyto-histopathological correlation, with emphasis on its role inpre-operative management guidelines. J Turk Ger Gynecol Assoc 2014;15(1):6–12.
  4. Gonçalves FC, Andres MP, Passman LJ, Gonçalves MO, Podgaec S. A systematic review of ultrasonography-guided transvaginal aspiration of recurrent ovarian endometrioma. Int J Gynaecol Obstet. 2016 Jul;134(1):3-7.
  5. Huang L, Chang MY, Shiau CS, Hsieh TT. Changes in anti-müllerian hormone after ultrasound guided aspiration and ethanol sclerotic therapy of ovarian cyst. Taiwan J Obstet Gynecol. 2021 May;60(3):509-512. doi: 10.1016/j.tjog.2021.03.021.
  6. Marta Kostrzewa, Agnieszka Zając , et al. Retrospective analysis of transvaginal ultrasound guided aspiration of simple ovarian cysts
  7. Gjelland K, Ekerhovd E, Granberg S. Transvaginal ultrasound-guided aspiration for treatment of tubo-ovarian abscess: a study of 302 cases. Am J Obstet Gynecol. 2005 Oct;193(4):1323-30.

Richiedi una consulenza

Le prestazioni svolte

Fecondazione in vitro

La FIV è una tecnica di riproduzione assistita che consiste nell'unione realizzata in laboratorio di un ovulo e di uno spermatozoo allo scopo di ottenere embrioni già fecondati da trasferire nell'utero materno.

Endocrinologia ginecologica

La funzione ovarica e mestruale della donna è estremamente delicata e risponde ad una complessa interazione tra i centri (ipotalamo-ipofisi) e la periferia (ovaio-utero).

Transfer allo stadio di blastocisti

Nella fecondazione in vitro, gli ovociti fecondati (zigoti) vengono mantenuti in laboratorio, negli incubatori, in condizioni di temperatura controllata (37°C) e atmosfera con 5% Ossigeno e 6% di Anidride Carbonica.

Infertilità

È ben noto che una considerevole percentuale di coppie incontra difficoltà nel concepimento. Si stima che il 10-15% della popolazione possa essere catalogato come infertile.

Abortività ricorrente

L’aborto spontaneo è definito come un’interruzione di gravidanza che avviene spontaneamente entro le 24 settimane di gestazione.

Isteroscopia diagnostica ed operativa

L'Isteroscopia Diagnostica è una tecnica endoscopica eseguibile in ambulatorio tramite l’isteroscopio.

Fecondazione eterologa

Per determinate condizioni cliniche, le coppie desiderose di prole devono ricorrere ai gameti (ovociti e/o spermatozoi) di donatori volontari e disinteressati per poter eseguire il proprio desiderio riproduttivo.

Preservazione della fertilità

Negli ultimi tre decenni nel mondo occidentale ha preso piede un fenomeno che rischia di avere importanti risvolti sulla natalità: la programmazione delle nascite ad un’età nettamente più avanzata rispetto al passato.

Ginecologia e ostetricia

La Ginecologia ed Ostetricia è la disciplina medica per eccellenza nella cura della Donna. Da sempre l’obiettivo di questa specialità clinica è stato prendersi cura della paziente in tute le fasi della sua vita.

Diagnosi e terapia dell'adenomiosi

Per lungo tempo la diagnosi di adenomiosi è stata limitata a valutazione anatomopatologica dopo isterectomia. Attualmente l’ecografia transvaginale è considerata la tecnica di imaging di scelta per la diagnosi con una sensibilità che varia dal 65% all'81% e una specificità che varia dal 65% al 100%9.

Esami diagnostici

Gli esami diagnostici in ginecologia ed ostetricia sono oggi molto accurati e la loro corretta esecuzione ed interpretazione sono la base per il giusto inquadramento clinico della paziente e per la più appropriata strategia terapeutica.

Terapia dei fibromi uterini

I leiomiomi uterini, più comunemente chiamati fibromi sono neoformazioni solide benigne e rappresentano la neoplasia ginecologica più frequente in donne in età fertile

Le anomalie uterine

Un arresto delle tappe organogenetiche può causare anomalie uterine e vaginali di vario grado.

Endometriosi

L’endometriosi è una patologia infiammatoria cronica, estrogeno dipendente, caratterizzata dalla presenza di tessuto endometriale funzionale (ghiandole e stroma) in sedi extrauterine.

Disordini del ciclo mestruale

Rappresenta il segno clinico più evidente e misurabile di maturazione puberale e nella maggior parte delle donne si verifica dopo circa due-tre anni dalla comparsa del telarca con un’età media che si attesta intorno a 12 anni e mezzo.

Inseminazione intrauterina

Una procedura di Procreazione Medicalmente Assistita di I° livello basata sulla deposizione degli spermatozoi direttamente all’interno della cavità uterina. Tale procedura viene effettuata dopo l’induzione dell’ovulazione.

Aspirazione ecoguidata ambulatoriale di cisti ovariche

La chirurgia laparoscopica rappresenta il gold standard nel trattamento della patologia ovarica benigna (cisti funzionali, cisti ovariche solide e paraovariche ed endometriosi) ed è di ausilio non solo nella stadiazione, ma anche nel trattamento della patologia ovarica maligna.

Ricanalizzazione tubarica

L’occlusione tubarica è causa di infertilità femminile nel 30% dei casi e nel 10-25% l’occlusione si localizza nel tratto prossimale della tuba (PTO) 1,2.

Hatching laser assistito

L’hatching laser assistito (LAH) è una tecnica di laboratorio che consiste nel tagliare una piccola sezione della zona pellucida (ZP).

IMSI, iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi

È una tecnica di II livello utilizzata nell’ambito della fecondazione in vitro. Si configura come variante della tradizionale ICSI, entrambe consistono nell’iniezione diretta di uno spermatozoo all’interno del citoplasma dell’ovocita.